La camera obscura e cioè un apparecchio a foro stenopeico, pinhole in inglese, può essere costruita anche in casa ad esempio a partire da un barattolo di latta, e per semplicità può essere usata con della carta fotografica, che però poi andrà invertita o con Adobe Photoshop o con un passaggio di camera oscura. Importante è che il foro sia preciso. Il suo diametro va calcolato sulla distanza focale dell’apparecchio, e cioè la distanza tra il foro e il piano su cui si sistema la pellicola e può essere calcolato con la formula seguente: ø = 0,037 x √ F; dove F è la distanza focale. Mentre il diaframma relativo f, necessario per la lettura dell’esposizione viene calcolato così: f = F ÷ ø.


Gli autori: Sergio Marcelli è fotografo e film maker. Docente e ricercatore ha pubblicato nel 2016 il Trattato fondamentale di fotografia, edito da Hoepli. Ruben Lagattolla è reporter, documentarista. Gran parte dei suoi lavori son trasmessi dalla televisione pubblica della svizzera italiana.