Un progetto di: 7-8 chili
Ideazione: Davide Calvaresi
Con: Davide Calvaresi e il pubblico
Supervisione: Valeria Colonnella

Questo progetto si inserisce all’interno di un nuovo percorso creativo iniziato durante il Covid 19. Creature digitali è una performance partecipativa e prevede la realizzazione di un percorso sensoriale nel luogo dell’azione. I partecipanti seguono delle indicazioni attraverso la messaggistica WhatsApp. I partecipanti si muovono all’interno di un dispositivo audiovisivo pensato appositamente per La Mole di Ancona, la performance prevede infatti l’attraversamento nei vari ambienti interni ed esterni della struttura del Lazzaretto. L’idea è quella di avventurarsi in un viaggio sensoriale costruito prendendo spunto dalla simbologia, dall’architettura e dalle trasformazione che nella sua storia La Mole ha subito. Creature digitali è un cammino collettivo a metà tra una visita guidata e un laboratorio di danza in cui muoversi e condividere sensazioni. 

Fino a non troppo tempo fa, dopo un terremoto si faceva una processione, ci si ritrovava nel proprio territorio, si osservavano le sue ferite e si recuperava insieme una confidenza oltre la paura. Creature digitali nasce dall’esigenza di riconquistare gli spazi all’aperto e restituire un peso diverso alle relazioni, per provare a ricostruire un’idea di comunità. In questo momento di distanziamento fisico ma non sociale, diventa fondamentale sperimentare la relazione con l’altro utilizzando altri canali percettivi. 

Creature digitali è quindi anche un esperimento multimediale in cui la tecnologia ci aiuta nell’esplorazione fisica del viaggio. Per partecipare non devi saper danzare, non devi saper recitare non devi saper suonare, l’importante è lasciarsi andare.

Programma

Martedì – 25.08.2020La Mole - PERFORMANCE

CREATURE DIGITALI _ LAMOLE

Percorso sensoriale whatsappguidato.
2 repliche: ore 21:00 e ore 22:30
MAX 20 persone
Durata 1 ora circa

Prenotazione obbligatoria ENTRO 24 AGOSTO scrivendo a presente@lamoleancona.it
Per info: 351 570 7706 _ Staff Presente 

Istruzioni per partecipare:
– whatsapp installato sul proprio telefono
– avere connessione sul proprio smartphone e batteria carica.
– avere delle  cuffie personali
– indossare pantaloni con tasca per mettere lo smartphone.

La performance è pensata seguendo tutte le normative di sicurezza relative al Covid 2019.

DETTAGLIO EVENTO
ARTISTA
Intervista in Controluce Davide Calvaresi - 7-8 chili

Davide Calvaresi

Artista e coreografo, nato nel 1981 a Offida (AP), crea dispositivi visivi che attraversano diverse discipline, dalla videoart alla coreografia digitale.  Nel 2019 con il film Olmo vince il Globo d’oro come miglior cortometraggio. Con il suo corto “Save” nel 2018 riceve il primo premio per il concorso tempo limite a cura della Fondazione Cineteca Italiana di Milano e per il concorso artigiani digitali a cura di Toscana Filmmakers festival. Dal 2005 dirige la compagnia 7-8 chili. 

7-8 Chili

7-8 chili è un collettivo artistico composto da Davide Calvaresi, Valeria Colonnella, Giulia Capriotti. Dal 2005, il collettivo condivide un progetto artistico il cui scopo è la crescita culturale e il rinnovamento sociale attraverso l’arte e la creatività. 7-8 chili racchiude nella sua ricerca vari linguaggi artistici dalla performance alla video art, segnalandosi come una delle realtà più innovative del panorama italiano. Attraverso l’ironia e l’originalità affronta complesse tematiche attuali restituendole in modo semplice ad un pubblico ampio. Dal 2010, 7-8 chili è presente nelle maggiori rassegne italiane segnandosi come una della realtà più significative del panorama artistico contemporaneo, partecipa infatti all8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, al Premio Equilibrio Roma 2012 per la danza contemporanea e al network Anticorpi XL. Da sempre interessato al tessuto sociale che lo circonda, il collettivo ha sempre realizzato progetti educativi e laboratori legati a tematiche sociali. Nel 2016 collabora con l’associazione Vivo e Anni Verdi nell’organizzazione di progetti per l’infanzia legati all’educazione ambientale. Dal 2018 collabora con l’associazione La casa di Asterione nei progetti di educazione e l’integrazione alla disabilità. Negli ultimi anni il collettivo conduce nelle scuole, un percorso di sensibilizzazione all’uso delle nuove tecnologie attraverso laboratori di videoart e storytelling.

OFF-LINE