Laureato in Spettacolo al DAMS di Bologna, dal 1997 si occupa di divulgare e favorire lo sviluppo della cultura della danza anche associandola a musica, cinema, teatro, arti visive. Cristiano è presidente e direttore tecnico dell’associazione La Luna Dance Center, direttore artistico del Conero Dance Festival, responsabile del Dipartimento di Danza dell’Accademia Poliarte, membro del Consiglio Internazionale della Danza UNESCO, insegnante di Storia della Danza, musicista. Dopo aver attuato una completa riorganizzazione de La Luna Dance Center e dopo aver realizzato nel 2009 una nuova sede associativa all’avanguardia presso il Panettone di Ancona ristrutturando uno spazio comunale di 1.100 mq attraverso un investimento dell’associazione, ha costruito una rete di collaborazioni con artisti dalle maggiori realtà della danza internazionali: Tanztheater Wuppertal Pina Bausch, Martha Graham Ensemble, Momix, Cirque du Soleil, Daniel Ezralow Company, Cullberg Ballet, Teatro alla Scala, Accademia Vaganova, Laban Center, Folkwang University, Alvin Ailey Center, Broadway Dance Center, Rock Steady Crew, Joffrey Ballet School, Dance Theater USA, Batsheva Dance Company, DV8, Accademia Nazionale di Danza, Steps On Broadway, MAS e molte altre. Assegnando borse di studio permette ogni anno a numerosi ragazzi di studiare presso importanti istituzioni della danza in Italia, nel resto d’Europa e in USA. Attraverso il Conero Dance Festival richiama ad Ancona numerosi studenti di danza provenienti da USA, Panama, Nicaragua, Messico, Scozia, Russia, Austria, Germania, Romania, Lituania, Grecia, Olanda, Spagna, Francia, Svizzera oltre che dal resto d’Italia. A New York ha realizzato diverse date con il collettivo Luna Dance Theater (di cui spesso cura la regia) con le coreografie di Simona Ficosecco e con la crew di break dance Groovin Brothers diretta da Paolo Swift. Ha prodotto diversi spettacoli coreografati da danzatori del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch. Ha realizzato diversi video e cortometraggi sviluppando un linguaggio personale attraverso la danza e il suo “Il cuore delle cose” del 2003 ha conseguito la menzione speciale della giuria per il film più sperimentale ed innovativo al Festival del VideoCorto di Nettuno (Roma). Come musicista ha suonato le percussioni per lo spettacolo “Short Pieces” di e con Jean Sasportes del Tanztheater Wuppertal Pina Bausch. Suona le percussioni per jam di danza e per lezioni di tecnica contemporanea con maestri internazionali tra cui Dominique Mercy, Fernando Suels Mendoza e Giorgia Maddamma. Negli anni 90 è stato batterista del Santo Niente a Bologna e dei Wolfango a Milano prodotti da Gianni Maroccolo, Giovanni Lindo Ferretti e Massimo Zamboni del Consorzio Produttori Indipendenti, con i quali ha realizzato circa 100 concerti in tutta Italia, diversi album e diverse colonne sonore cinematografiche.