Cara Scuola…

Cara Scuola…

Dai musei civici chiusi una lettera alla scuola

Cara Scuola,
ti scrivo una lettera per esprimere la mia vicinanza e la stima nei confronti del tuo operato in questo periodo così difficile per tutti noi.

 Volevo farti sapere che sei ancora al centro della mia progettazione educativa e che mi mancano tantissimo i tuoi più piccoli e più grandi studenti.
Come me anche tu, ti sei rimessa in gioco in pochissimo tempo e hai rivolto le priorità alla natura umana dei bambini e degli adolescenti.

 Entrambi siamo partiti dalla necessità di relazione, dal bisogno di costruire un rapporto di vicinanza nuovo e, forse come non mai, caratterizzato dall’ascolto reciproco.

 Il museo, come la scuola, ha confermato ora più che mai (anche se nessuno aveva più dubbi) che la connessione con le persone è reale e costituisce la natura del nostro operato.

Nel mio caso, questo momento sta confermando la forza delle relazioni nate dal rapporto con l’arte e con la storia all’interno dei miei spazi evocativi.
Queste relazioni sono significative nel processo educativo lungo tutto l’arco della vita delle persone.
Io, quindi, come te, divengo sempre di più luogo di aggregazione e spazio prezioso per coltivare la libertà di espressione e di opinione per la crescita del pensiero critico e libero.

 Il museo come la scuola, sono luoghi sicuri delle nostre città, luoghi che hanno il dovere di innescare relazioni di affetto con i suoi cittadini.

 Ricordi le parole di Franco Cambi?
Già nel 2003 definiva l’educazione ai beni culturali un’emergenza socio-culturale.
Abbiamo il compito di costruire una sensibilità e una forma mentis in modo che ogni cittadino sia reso consapevole dei diritti e dei doveri che ha rispetto a questi beni, perché li riconosca, li sappia leggere, li sappia apprezzare, fino a considerarli come suoi. Spiritualmente suoi.

 Da febbraio a giugno tantissimi studenti sarebbero venuti a trovarmi se non ci fosse stato il coronavirus.
La mia ragione d’essere include soprattutto la funzione educativa che si valorizza grazie alla tua collaborazione. Molti bambini e ragazzi nutrivano l’aspettativa di venirmi a trovare.

Nonostante questo momento così difficile voglio tentare di soddisfare le aspettative dei bambini e dei ragazzi che sarebbero voluti venire al museo. 

Vorrei costruire, in questo nuovo mondo, un ponte che unisca l’arte e la storia ai tuoi studenti. Vogliamo farlo insieme?

Un caro saluto da un Museo chiuso e silenzioso
che vorrebbe tanto tornare a raccontare storie!

bulletin

La Musica non si ferma – Zonamusica La Musica non si ferma. È stato questo il leitmotiv di questo periodo di quarantena, sospeso per tutti tra l’incertezza solitaria e la speranza condivisa. Ma, a ben guardare…la musica, ahimè, si è fermata… L’esperienza unica di tempo, luogo e spazio per convivere e condividere un concerto è venuta meno.  Quel momento magico che spesso […] MORE
La vera musica è dal vivo | Jonathan Iencinella – Peacock Events Non sappiamo quando sia stata “inventata” la musica. Esistono reperti archeologici che sembrano tracciare un percorso iniziato oltre 50.000 anni fa, ma con ogni probabilità la vera origine del fenomeno va ricercata in epoche ancora antecedenti. Come molte manifestazioni tipiche della specie homo, non ha dunque una data di nascita certa e la sua paternità […] MORE
Identità nella relazione – Intervista a Cristiana Colli Mappe. Come ha contribuito lo sviluppo della sua linea editoriale a disegnare una nuova geografia nella filiera del progetto. Mappe come progetto editoriale segna una discontinuità con la precedente esperienza di Progetti. A partire dalla direzione di Cristiano Toraldo di Francia – che ricorderemo appena sarà possibile come protagonista e uomo di rara intelligenza e […] MORE
Cara Scuola… Dai musei civici chiusi una lettera alla scuola Cara Scuola, ti scrivo una lettera per esprimere la mia vicinanza e la stima nei confronti del tuo operato in questo periodo così difficile per tutti noi.  Volevo farti sapere che sei ancora al centro della mia progettazione educativa e che mi mancano tantissimo i tuoi più […] MORE