Corpo Vivo | Progetto Presente

Corpo Vivo | Progetto Presente

Sin dal nome, abbiamo sempre pensato alla Mole come “massa“, il peso del “quanto” della materia. Per anni la Mole è stata legata a questa sua imponente fisicità che però le ha conferito primariamente un ruolo quasi automatico di grande contenitore, scatola di altre cose, spazio libero per altro. Paradossalmente, il suo corpo – indissolubilmente implicato nel nome e nella funzione originaria di “deposito temporaneo di corpi sospesi” – è stato traslato in spazio e tradotto in disponibilità dimensionale

Attraversando tutti i tempi, la Mole è sempre stata tanto di “altro“, pur continuando comunque sempre a essere ““, in ogni passaggio della sua storia, lasciando magari l’incombenza del proprio sè più indietro rispetto all’urgenza del proprio uso, tenendo l’identità in arretrato, ospitando senza mettersi “a posto”, prima di farsi ancora e ulteriormente più accogliente. Negli anni si è progressivamente trasformata e si è vista riconoscere un ruolo di riferimento nel panorama espositivo e performativo e poi della formazione e produzione culturale. 

Poi quest’anno all’improvviso si è dovuta chiudere per oltre 2 mesi, riuscendo però nella volontà di non negarsi – quindi ancora una questione di faccia e corpo – e sopperendo alla mancanza di possibilità espressive con l’attivazione di una piattaforma digitale – un altro spazio quindi – che si è conformata sullo stesso atteggiamento di accoglienza e ospitalità degli spazi fisici. 

Proprio per questa bivalenza di corpo e spazio, la sua riapertura non è stata solo del luogo fisico, ma la Mole ha riaperto la propria identità, e svelato nuovamente la marcata personalità del proprio corpo sia come spazio che come soggetto e sistema culturale. La Mole si offre nuovamente come luogo di socialità morbida e rassicurante, confortata da spazi ampi e di ristoro come tutte le altre piazze; come luogo di rappresentazione, attrezzata con una platea misurata per la messa in scena di spettacoli di taglio intimista e confidenziale con il suo carisma architettonico; come luogo di esposizione, riattivando la tradizione delle mostre d’autore; come luogo di produzione, rendendo disponibili elementi utili a narrazioni estemporanee del contemporaneo. 

La Mole riporta consapevolmente in questo presente l’attenzione al tema della corporeità e alla politica dei corpi, esponendo direttamente il proprio corpo sia alle nuove esigenze dell’attualità sia alle prospettive di una traiettoria socio-culturale; nel momento in cui il corpo fisico delle persone si pone come elementare unità minima di infrastruttura ambientale e assume maggiormente la vocazione di spazio deputato alla difesa del potere dell’esistenza, la Mole rafforza l’interpretazione e l’uso dei propri spazi e della propria organizzazione infrastrutturale come vero e proprio corpo vivo di relazione e interazione

[ a.m. 2020_06_21

bulletin

Il ritorno di Musei e Mostre I Musei Civici di Ancona tornano ad offrire l’arte in presenza, affiancandola all’intensa programmazione online degli ultimi mesi. Il giorno delle riaperture è il 10 febbraio. Riapre la mostra di Letizia Battaglia alla Mole Vanvitelliana. La mostra è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19. La mostra non sarà visitabile nel weekend, come […] MORE
RADIO-WEB CONTROLUCE Nasce una web radio dall’idea di tre sedicenni, vincitori di un bando Cariverona Una web radio di liceo, tutta per loro e per i loro amici e coetanei. Era il sogno di tre studenti del Liceo Scientifico Galileo Galilei di Ancona: Alice Barucca, Matteo Burini e Elena Moreschi. Oggi il sogno è diventato una piccola […] MORE
Accessibilità – Museo Tattile Statale Omero Accessibilità: una parola che cambia il suo significato; non più un insieme di interventi per alleggerire la vita di categorie svantaggiate che vengono finalmente invitate a partecipare in qualche modo al banchetto della cultura, magari dopo che è stato servito il piatto forte. Accessibilità significa riconoscere a tutti i commensali un pari diritto di sedersi a […] MORE
GLI EVENTI ONLINE DELLA MOSTRA LETIZIA BATTAGLIA. STORIE DI STRADA La fotografia non cambia il mondo, né la mia fotografia, né quella degli altri,  ma come un buon libro può essere una fiammella. (Letizia Battaglia) Sulla scia di questo pensiero della grande fotografa Siciliana ha preso corpo da settembre una rassegna di appuntamenti tra cultura e critica sociale legati alla mostra Letizia Battaglia. Storie di […] MORE