Il Museo Omero vola in Giappone

Il Museo Omero vola in Giappone

Il Fascino del Museo Omero è la  Conferenza che  terranno  sabato pomeriggio 15 dicembre, alle ore 13.30, il presidente e la coordinatrice  del Museo Tattile Statale Omero di Ancona,  Aldo Grassini e  Annalisa Trasatti, presso l’auditorio del Museo dell’Arte della Prefettura Yamanashi della città di Kofu.

La Conferenza era stata sollecitata dalla professoressa HIROKO Takesue dell’Università di Yamanashi Facoltà di Pedagogia. Previsti 100 selezionati partecipanti. La mattina si anticipa la conferenza con un incontro con direttori, curatori e docenti universitari del settore presso lo Yamanashi Prefectural Museum of Art. In particolare le relazioni di Aldo Grassini e Annalisa Trasatti tratteranno i temi della Cultura dell’accessibilità e dell’esperienza estetica dell’arte attraverso il tatto, con un ampio spazio ai servizi educativi e ai programmi didattici del Museo. Grande attenzione alla stampa del settore e a quelle emittenti radiofoniche seguite da un pubblico con disabilità visive. Tra gli appuntamenti quello con il curatore del Centro Nazionale delle Arti di Tokyo e il curatore del Museo Nazionale di Arte Moderna di Kyoto.

La professoressa HIROKO Takesue conferma la grande aspettativa  per la presenza del Museo Omero a Kofu e per l’importanza che il lavoro di studio e ricerca di Aldo Grassini  riveste  da tempo nel mondo accademico. La Conferenza sarà un utile momento di confronto e di scambio tra esperti che potrà anche segnare l’avvio di  ulteriori nuovi  rapporti di collaborazione.

La visita in Giappone di Aldo Grassini e Annalisa Trasatti si concluderà il 16 dicembre al Museo Vangi nella città di Mishima. Sarà la curatrice KOKO OKANO a guidare i rappresentati del Museo Omero a questo particolare luogo che i giapponesi hanno interamente ed esclusivamente dedicato allo scultore Giuliano Vangi, di cui il Museo Omero vanta alcune preziose opere nella collezione permanente ad Ancona.

Link utili
http://www.art-museum.pref.yamanashi.jp/english/
https://www.clematis-no-oka.co.jp/vangi-museum/en/exhibitions/714/

— 

Monica Bernacchia
Comunicazione
Museo Tattile Statale Omero
tel. 071.2811935 fax 071.2818358
www.museoomero.it

Photo by Joseph Chan on Unsplash

bulletin

Il Museo Omero vola in Giappone Il Fascino del Museo Omero è la  Conferenza che  terranno  sabato pomeriggio 15 dicembre, alle ore 13.30, il presidente e la coordinatrice  del Museo Tattile Statale Omero di Ancona,  Aldo Grassini e  Annalisa Trasatti, presso l’auditorio del Museo dell’Arte della Prefettura Yamanashi della città di Kofu. La Conferenza era stata sollecitata dalla professoressa HIROKO Takesue dell’Università di Yamanashi Facoltà di Pedagogia. Previsti 100 selezionati partecipanti. La mattina […] [...] MORE
Corto Dorico Film Festival – 15ma edizione Quest’anno per Corto Dorico la Mole Vanvitelliana di Ancona si trasformerà in un Cinevillaggio, come per Magia. Tra gli oltre 271 cortometraggi iscritti al concorso, sabato 8 dicembre durante la finalissima,  la giuria composta da Matteo Rovere, Jasmine Trincae Matteo Cocco decreterà il vincitore tra i 7 finalisti + 1 che verrà ripescato dal pubblico, sabato 1 dicembre durante la serata Corto Slam. Tra i tanti corti internazionali arrivati […] [...] MORE
TEDxAncona arriva a La Mole Arriva per la prima volta nel capoluogo marchigiano la conferenza TEDx. Sabato 24 novembre, l’Auditorium de La Mole ospiterà l’appuntamento legato alla serie di eventi che si tengono in ogni angolo del mondo. A fine 2018, gli eventi TEDx in Italia saranno 89, e oltre 3.800 in tutto il mondo. L’obiettivo di queste conferenze è […] [...] MORE
C’è musica e música Terzo appuntamento mercoledì 7 novembre con il ciclo di conferenze – ascolto A passeggio nel mondo dell’Opera a cura di Aldo Grassini in collaborazione con gli Amici della Lirica Franco Corelli Ancona. Alle ore 17 nella sala conferenze del Tattile Statale Museo Omero Gabriele Cesaretti con un intervento dal titolo C’è musica e música parlerà della zarzuela e della tradizione musicale spagnola tra XIX e XX secolo. Non chiamatela […] [...] MORE