Ripartire con Yo-housing

Ripartire con Yo-housing

Esperienza dell’abitare e del distanziamento ai tempi del Coronavirus: ripartire con Yo-housing 

Sono circa due mesi che il mondo che stiamo vivendo si è allontanato drasticamente e repentinamente da come lo conoscevamo. Lo scenario di vita per molte persone è cambiato, offrendo un tempo nuovo in molti casi di solitudine, in altri di maggior contatto con i propri familiari e conviventi. Per altri la vita lavorativa è diventato un tempo di impegno ancora più denso e complesso. Tante persone si confrontano con le preoccupazione per l’avvenire, nell’incertezza sul futuro. Molti hanno investito energie nella solidarietà e nel volontariato. Il mondo là fuori si è reso accessibile prioritariamente in due modi: il primo è stato attraverso le tecnologie della comunicazione, che hanno consentito di dialogare con amici e parenti guardandosi attraverso gli schermi di PC e smartphone o di formarsi ed approfondire contenuti negli spazi virtuali del reale. Un altro modo è stato affacciandosi ai balconi e le finestre o facendo la spesa per i propri vicini di casa, ridando significato e presenza alle relazioni di vicinato, alle comunità d’appartenenza più prossime.
Nel corso dei giorni è stato possibile riscontrare il maturare di visioni e pratiche del vivere sociale che dal nostro punto di vista hanno suggerimenti preziosi per l’avvenire. Il paradosso che avvertiamo in questo periodo è una crescente speranza ed aspettativa che il tempo a cui ci avviamo possa essere davvero un’epoca di rinnovamento e trasformazione, oltre il processo iniziatico e doloroso che per molti aspetti stiamo attraversando. 

Yukers_CORPO TESTO

In questo tempo solo apparentemente sospeso, stiamo traendo linfa per il nostro progetto Yo-housing, da ormai diversi mesi in cantiere, altamente sfidante ed ambizioso e anche per questo dal lento sviluppo. A volte ci pare una chimera, sicuramente un obiettivo e un orizzonte di senso che ci lega, all’interno della nostra associazione Yukers. Il sogno è realizzare un’esperienza abitativa condivisa e collaborativa che veda come protagonisti i giovani che si affacciano al mondo lavorativo e che riqualifichi una struttura in disuso nel Comune di Ancona attraverso la co-progettazione con soggetti pubblici e privati. La comunità abitativa di Yo-housing sarà animata da individui che scambiano idee, competenze, abilità mettendole a servizio della comunità sperimentando forme innovative di impegno civico, animando spazi comuni e generando una centralità nell’immaginario collettivo.

Alcuni dei cardini del progetto stanno assumendo in questo periodo un valore che si fa sempre meno retorico e sempre più concreto. Possiamo sintetizzare attraverso alcune locuzioni chiave ciò che l’emergenza Covid-19 ci sta insegnando: 
– Bisogno crescente di autenticità. Ogni giorno può essere utile per reinventarsi attraverso le competenze e l’ascolto dei bisogni: il mondo di oggi ci interpella rispetto alla nostra reale capacità di far ripartire il nostro lavoro, le occasioni di produrre la cultura, l’arte, la gestione economica della nostra famiglia e della nostra società. La pausa forzata dalle nostre abitudini più scontate ci ha fatto entrare in contatto con i nostri vissuti e con quelli delle altre persone in maniera più profonda. In un modo più o meno evidente ci stiamo adoperando per capire che cosa è davvero utile per il benessere di noi stessi, dei nostri amici e di tutte le persone in difficoltà per cui proviamo empatia. Vogliamo il ritorno ad una normalità che corrisponda maggiormente alle nostre necessità. 

– Promuovere il valore più alto del fare comunità. La comunità è una parola da cui non ci separiamo neanche oggi, nonostante il distanziamento che per essere giusto deve essere solo fisico e non sociale. Il senso di comunità di tante persone ha condotto ad espandere il valore della solidarietà e l’urgenza di tradurla in capacità operativa: Yo-housing non sorgerà come una cattedrale nel deserto, Yo-housing avrà senso e valore solo se saprà restare in costante relazione e connessione con il contesto, le persone che aderiranno ad un progetto pronto ad includere le sollecitazioni del territorio. La città di Ancona, ricca di esperienze di prossimità e apertura verso le proposte degli operatori sociali e culturali, potrà essere oggi ancora di più un bacino di dialogo e partecipazione, proseguendo nella cura delle relazioni comunitarie.

– Dare sostenibilità ad un nuovo modello di sviluppo: è il tempo di cercare soluzioni che consentano il prosieguo di tutte quelle esperienze che stanno cercando di colmare il gap delle diseguaglianze. Anche noi, per gli scopi che ci siamo prefissi, abbiamo il dovere di contribuire a tradurre sul lungo termine le strategie comunitarie di solidarietà, collaborazione, lotta alle disparità sociali che l’emergenza ha esasperato. Yo-housing è un’esperienza comunitaria che vuole includere lo spirito e l’esperienza di tutte quelle realtà che sapranno insegnarci l’impegno, l’intraprendenza, il coraggio dei giovani che non si sono sottratti ad aiutare chi era in difficoltà.

– Progettare e fare rete: abbiamo necessità di ripartire condividendo il nostro intento e dandoci un’organizzazione che possa riavviare le collaborazioni già intraprese nei tavoli di co-progettazione passati e includa nuovi soggetti ispirati dal progetto. E’ necessario pianificare un impiego di risorse economiche, professionali e di attivismo civico che promuovano al meglio energie e competenze, restituendo un luogo ristrutturato, vivo e generativo, laddove oggi predomina l’abbandono. 

Il futuro si prospetta ancora particolarmente incerto, ma ci restituirà una realtà che avrà bisogno di tutta la nostra capacità di collaborazione, ascolto reciproco e sguardo rivolto oltre i numerosi limiti che si presenteranno dinanzi, ma che saranno eredità di un mondo che non esiste più, e che abbiamo l’opportunità di reinventare. 

Chi è Yukers? Yukers è un’associazione di promozione sociale che si occupa di processi partecipativi, rigenerazione urbana e sostenibilità del vivere comunitario ed ambientale. È base ActionAid nelle Marche. Il progetto Yo-Housing è ideato e promosso dall’Associazione Yukers. Per collaborare con noi o restare in contatto scrivici a info@yukers.it e seguici su Facebook

www.yukers.it

bulletin

CORTO DORICO FILM FEST 2021 – AL VIA DOMANI I BANDI 2021 Al via domani i bandi 2021 Concorso Nazionale Cortometraggi e Concorso Internazionale Amnesty. Iscrizioni per la 18esima edizione aperte fino alla mezzanotte di lunedì 27 settembre 2021. Roma, 30 luglio 2021 – Partiranno domani, sabato 31 luglio 2021 i bandi dei concorsi per cortometraggi per la nuova edizione del Corto Dorico Film Fest (Ancona 4 – […] MORE
L’Estetista Cinica ad Ancona Nel week end 26 e 27 giugno il Museo Tattile Statale Omero ospiterà l’evento Bellezze al Museo con protagonista Cristina Fogazzi, nota come l’Estetista Cinica. Cristina Fogazzi è un’imprenditrice di successo nel settore del beauty, un’estetista che nel tempo ha creato una propria linea di prodotti disponibili sul negozio online Verlab; divenuta famosa grazie ai […] MORE
Call I want YO! La Mole – Cultura presente sta implementando strumenti e modalità di comunicazione che prevedono la necessità di figure professionali giovani e dinamiche che possano accrescere le capacità di azione, dinamismo e innovazione nei processi e nelle logiche di gestione. La Mole vuole rendere protagoniste le nuove generazioni, sostenendo la crescita di competenze al servizio del […] MORE
Il ritorno di Musei e Mostre I Musei Civici di Ancona tornano ad offrire l’arte in presenza, affiancandola all’intensa programmazione online degli ultimi mesi. Il giorno delle riaperture è il 10 febbraio. Riapre la mostra di Letizia Battaglia alla Mole Vanvitelliana. La mostra è visitabile dal lunedì al venerdì dalle 16 alle 19. La mostra non sarà visitabile nel weekend, come […] MORE