Nelle parole del direttore scientifico di KUM! Massimo Recalcati, il racconto dei volti differenti che l’ingovernabile assume nell’esperienza soggettiva dell’analisi: la vita stessa, la sua forza, il suo eccesso è già nome dell’ingovernabile. La potenza inumana della natura in cui la vita umana è immersa è un’altra figura dell’ingovernabile. Ma anche la morte, l’impossibilità di non morire.